Manifestazione LGBTQ a New York

[foogallery id="1710″]

La storia

New York è probabilmente il luogo di nascita del movimento gay e lesbico mondiale e gli effetti dei disordini di Stonewall del 1969 si sono fatti sentire in tutto il mondo. I disordini di Stonewall allo Stonewall Inn nel Greenwich Village nel giugno 1969, iniziati a causa della discriminazione degli omosessuali nel sistema giudiziario negli anni '60, sono culminati in un'irruzione della polizia nello Stonewall Bar il 28 giugno 1969 senza un motivo valido e in un'esplosione di rabbia pubblica, che ha portato a uno scontro tra polizia e pubblico nel bar. Nel bar si verificò un confronto tra la polizia e il pubblico. Citando il libro di Duberman, c'era un'eroica donna T che rifiutò ripetutamente di essere interrogata e si staccò dalla polizia; il suo comportamento eroico scatenò la rabbia del pubblico e fu descritta come una "tipica Dyke di New York" (è risaputo che i newyorkesi non sono americani amichevoli e accomodanti, figuriamoci le Dyke di New York). I sei giorni di disordini che seguirono, noti come Stonewall Riots, furono in seguito riconosciuti come uno dei momenti più importanti della storia LGBTQ+ per il loro impatto sul movimento mondiale per i diritti civili di gay e lesbiche.

Nel 1970, appena un anno dopo i disordini di Stonewall che sconvolsero il Greenwich Village e diedero vita a un nuovo movimento per i diritti civili nella comunità LGBTQ+, i manifestanti marciarono lungo Christopher Street per la prima Marcia annuale dei gay e delle lesbiche di New York, nella stessa strada in cui si erano svolti i disordini un anno prima. Questa marcia inaugurale fu organizzata da membri del Gay Liberation Front (GLF), della Gay Activists Alliance (GAA), della Street Transvestites Action Revolutionaries (STAR), della Society for Individual Rights (SIR), del gruppo Daughters of Bilitis (DOB) e di altri gruppi locali del movimento sociale per i diritti degli omosessuali, e si tenne anche in risposta al Christopher Street Freedom Day, celebrato il 28 giugno 1970 a Boston e Chicago. Il 28 giugno 1970, anche Boston e Chicago scesero in strada in risposta al Christopher Street Freedom Day, la prima marcia gay e lesbica degli Stati Uniti. Nel 1971, la marcia dell'orgoglio gay si diffuse a Londra, Parigi, in Siberia e a Stoccolma, e la marcia dell'orgoglio gay nacque in tutto il mondo.

Profilo della città

A partire dagli anni '70, Chelsea è diventato un quartiere gay e lesbico, oggi trasformato in un'area residenziale di alto livello di Downtown, con fabbriche di confezioni di carne trasformate in negozi alla moda e binari ferroviari abbandonati trasformati in sky garden. Hell's Kitchen è un'area rettangolare sopra Chelsea, sotto Central Park e a ovest del fiume Hudson. Hell's Kitchen ospita molti locali notturni gay e lesbici, con la maggior parte dei bar e dei locali notturni situati sulla Nona e Decima Avenue e accanto a Hell's Kitchen sulla Broadway, rendendo Hell's Kitchen il quartiere più divertente e gay di New York.

Processioni

Oltre alla parata, si tiene il Pride Island Music Festival. Ci saranno esibizioni dal vivo di artisti famosi e feste all'aperto in luoghi che vanno dagli stabilimenti di confezionamento della carne alle cucine dell'inferno, l'ultimo dei quali è il 2023 al Brooklyn Army Terminal, e per chi ama le feste, i party mensili MEAT di New York e il marchio di party Matinee dall'Europa ospiteranno una serie di feste durante la parata.

it_ITItaliano