A proposito della processione, vorrei dire...】Merry Cheng: la benedizione dell'arcobaleno

Cheng Meili (Operatore culturale, docente dell'Università comunitaria) 24 settembre 2012

Vi siete mai inginocchiati ai piedi della portantina di A-Ma? Purtroppo non l'ho mai provato, ma ho sentito una meravigliosa benedizione quando la bandiera arcobaleno è passata sopra di noi quell'anno.

Si dice che la Gay Pride Parade di quest'anno sarà la decima. Come ardente sostenitrice, non riesco a contare il numero di volte in cui ho partecipato alla marcia, ma ricordo che ogni anno faccio del mio meglio per partecipare, e anche se non posso partecipare per motivi di lavoro, continuo a pensarci e a desiderarlo nel mio cuore. Quello che ricordo di più è che nel 2005 e nel 2006, quando lavoravo come editrice in una libreria femminile, ho organizzato un gruppo di crescita chiamato "Crocodile Squad" per leggere libri, lavorare in gruppo e organizzare attività legate a Lazi per la libreria femminile. Prima di partecipare alla parata, il gruppo ha discusso e ha avuto l'idea di creare i propri guanti di coccodrillo chic; i piccoli coccodrilli hanno partecipato alla parata indossando i simpatici guanti, hanno distribuito volantini e hanno attirato l'attenzione, il che si può dire che ha abbellito la squadra della Rainbow Parade, e i membri della squadra erano molto eccitati e avevano un senso di realizzazione.

Molto tempo fa, a metà degli anni Novanta, quando lavoravi come pubblicista underground, ricordi che la persona con cui passavi molto tempo diceva che il movimento gay era come una staffetta, e che bisognava passare il testimone di testimone in testimone; e diceva anche che desiderava essere un uomo d'amore e di giustizia. In seguito non vi siete più riuniti, ma avete comunque trasmesso le convinzioni che condividevate in pista. Questo è un bene.

Nel corso degli anni di marcia, si ricordano il sole, il sudore, le tante bandiere, gli slogan, i colori, le risate, gli abbracci, le riunioni, le lacrime di sentimenti contrastanti ......; e si vedono sempre di più: la forza, le differenze, il sostegno, i diversi gruppi, le generazioni, le identità e le colorate aspirazioni.

Ora è zia, zio livello di noi, giovane se si sente la gente dire che solo preoccupato di genere è troppo stretto, si sarà arrabbiato, oltre al grande dibattito non si prende per scontato; e poi, a poco a poco, si sono cresciuti in "genere è solo una parte dell'identità di una persona di mezza età". Oh, va tutto bene.

Non avendo compiti particolari, partecipare alla sfilata è stato come ritrovarsi con i miei vecchi amici: non dovevo prendere un appuntamento in anticipo, ma potevo incontrarli e prendere un caffè dopo la sfilata per aggiornarli. Poi, con gli alti e bassi, sembra che io e i miei vecchi amici ci siamo separati. Il giorno della marcia dell'anno scorso (2011), sono uscita con la mia macchina fotografica, con la calma di un'abitante del villaggio e con la gioia di sostenere e apprezzare il team dell'Istituto delle Donne. Ho chiesto cosa fosse cambiato negli ultimi dieci anni. Ho risposto: "Prima pensavo che il percorso della marcia fosse troppo breve e che non potessi godermelo, ma ora mi preoccupo che mi facciano male i piedi e posso partecipare solo a metà strada".

In che anno inizia? Ogni volta che i "Waterboys" apparivano, la loro luminosa "carne giovanile" conquistava molti colori. Quest'anno, il decimo anno della parata, sono felice di vedere se ci sarà qualche ruga e qualche capello grigio, e se ci sarà un volto sereno ma non troppo personale tra la folla della parata.

it_ITItaliano