L'eccellente biopic di Bernstein esamina in modo approfondito la questione bisessuale.

THE MASTER: Carey Mulligan e Bradley Cooper brillano in questo film su Leonard Bernstein

Se non stai attento, diventerai una vecchia regina solitaria", ha detto con rabbia Kylie Mulligan a Bradley Cooper, prima che un gigantesco Snoopy gonfiabile passasse davanti alla finestra. La parata del Giorno del Ringraziamento di Macy's non aspetta nessuno!

Si tratta di uno di quei momenti bizzarri e divertenti sulla figura del direttore d'orchestra e compositore americano Leonard Bernstein che sovverte i noiosi cliché delle biografie. Si scopre che una parata è lo sfondo adatto per un'accesa discussione tra un uomo e la moglie, che non solo si sfoga, ma interrompe la sfilata di eterosessuali di vetro che il marito fa da sempre.

La parola "parata" può essere usata anche per descrivere i fumetti di Highland Camp disegnati da Cooper. L'idea che il trambusto di Liberace soddisfi i bisogni tossici di.... Lydia Towers? È uno spettacolo, una performance, e quindi giustamente esagerata, e per questo ancora più divertente. Mentre la maggior parte degli attori si preoccupa di interpretare solo versioni diverse di se stessi, Kubelnik persevera e osa essere diverso.

Detto questo, l'aspetto del personaggio è assolutamente bizzarro e necessita di un taglio. In effetti, qualsiasi film con un cast che invecchia in modo drammatico si trova sul filo del rasoio, e questo non fa eccezione. Alla fine, Bernstein diventa un Barry Manilow con i capelli troppo lunghi. Naturalmente, la responsabilità è del regista Cooper.

Il naso finto che ha scatenato le accuse di "faccia da ebreo" in agosto ha distratto e dato a Bernstein un aspetto eccentrico, accentuato dagli occhi acuti e dai denti perfetti di Cooper, che ricordano una vera casalinga. Più tardi, quando il film passa dal bianco e nero ai colori vibranti del Mago di Oz, si scopre l'abbronzatura permanente di Bernstein. Sono saltato dalla sedia. A dire il vero, probabilmente si trattava di un momento destinato a sorprendere e a divertire.

"Kylie Morrigan ha una vera dignità come Felicia anziana, ha sempre avuto un'antica energia dell'anima, anche nell'educazione".

Fortunatamente, la sempre sobria Mulligan bilancia gli eccessi di Cooper. Interpreta la moglie di Leonard, l'attrice Felicia Montealegre. Il suo abbigliamento vale da solo le due ore e nove minuti di durata del film. Tuttavia, la Mulligan non contrasta in modo netto con l'enormità di Cooper e in alcuni punti si lascia andare. Insieme, i due chiacchieroni godono di una frizzante reazione chimica.

Ha anche la genuina gravitas del Montealegre più anziano - ha sempre avuto un'energia da anima antica, anche quando era istruita - e offre una performance di prim'ordine negli ultimi 15 minuti del film. Qui, il maestro cambia goffamente tono mentre racconta velocemente il viaggio di Felicia verso il cancro. Un finale migliore avrebbe potuto essere l'ultimo maestoso momento musicale, quando tutti i simboli crollano, con un violinista che sbatte la testa e un Cooper vibrante e quasi sospeso sullo chiffon della Mulligan.

"Nonostante tutta l'attenzione data al suo matrimonio, il suo carattere fresco si sviluppa attraverso la ricchezza del suo dialogo con Felecia".

Nel frattempo, l'atteggiamento di Bernstein nei confronti del segreto aperto dell'orientamento sessuale è misto. Di certo non ne rifugge. Infatti, nonostante le sfide legali dell'epoca, in alcuni punti lo tratta con una deliziosa leggerezza di tocco. Una volta, ad esempio, Bernstein coccolò un neonato - il suo viso era così orribile che si era pronti a far piangere il bambino - e poi disse: "Posso dirti un segreto? Ho dormito con entrambi i tuoi genitori!".

Altrove, per festeggiare la telefonata che ha lanciato la sua carriera, suona un tamburello sul sedere della sua amante. (Questa scena si ripercuote incredibilmente in una delle tante sequenze orchestrali esagerate). Ma quando Matt Bomer interpreta il suddetto amante, si è perdonati se si paragona il Maestro ai sexy amici viaggiatori che fanno notizia. Non è questo il caso. Qui il ruolo di Matt è insignificante. È frustrante che il rapporto di Bernstein con gli uomini sia raramente delineato. In breve, dovrebbe essere ancora più strano.

È un peccato perché c'è molto altro da esplorare, compresa la questione centrale di come Bernstein si vedeva. Alcuni siti lo definiscono bisessuale. Altri citano il suo coautore di West Side Story, Arthur Laurents, che lo definisce un "uomo omosessuale sposato". Non è affatto ambiguo al riguardo.

Nonostante l'eccessiva preoccupazione per il suo matrimonio, il suo carattere di ragazzo cool si dispiega attraverso ricche scene di dialogo con Felicia, che viene ritratta come più di un'amica, non come un'amante. Il sesso extraconiugale di lui, la sua accettazione e il suo continuo amore suggeriscono una relazione di fluidità e apertura sessuale lontana dai concetti moderni? Milioni di spettatori di Netflix si porranno presto queste domande, e ne vale la pena.

3.5/5

Il Maestro viene distribuito su Netflix il 20 dicembre.

tendenza alla moda

Ultime storie

it_ITItaliano