[Regista di film indipendenti - Melissa Chow

Scritto da: Zhou Meiling 18 ottobre 2012

1. Quando è stata la prima volta che ha partecipato a una manifestazione LGBT a Taiwan? Qual è stato il motivo della sua partecipazione?

Ho partecipato alla prima manifestazione nel 2003 e all'epoca ho anche collaborato con gli organizzatori per far proiettare il nostro documentario gay riservato "Private Corner" nel parco il 28 febbraio. Prima della proiezione, temevamo che la polizia venisse a toglierlo perché dava fastidio, così abbiamo escogitato una linea di risposta: "Se può esserci una statua di nudo nel parco, perché non può esserci un film d'arte con del nudo? Per fortuna non è successo nulla, ma per noi mostrare un documentario sulla lussuria gay in uno spazio gay come il Parco 28 Febbraio è una sorta di arte in azione.

A quel tempo, avevo appena finito di girare il film "The Glamour Balladeers" e ho trascinato gli attori e le attrici del film a partecipare alla parata; per la prima volta, gli amici del circolo avevano bisogno della compagnia e del tifo reciproco; negli anni successivi, la parata è diventata sempre più potente, quindi non c'era bisogno di raccogliere voti, ma finché mi trovavo a Taipei, anche se c'era solo un momento libero per tagliare un film, uscivo per partecipare a una piccola sezione della parata. Ma ogni volta che mi trovo a Taipei, anche se ho solo il tempo di tagliare un film, vengo comunque a partecipare alla marcia.

2. Cosa l'ha colpita di più nei raduni degli ultimi anni?
La prima volta che ho lavorato a un geoscape arcobaleno (2007), ricordo di essermi messo sotto le bandiere e di averle viste estendersi fino alla fine dell'arcobaleno. Il giorno dopo, quando ho visto la vista a volo d'uccello dei media dall'alto, l'immagine della bandiera arcobaleno a sei colori era ancora molto commovente.

3. In base alle sue osservazioni, ci sono differenze tra la marcia LGBT a Taiwan e quella all'estero?
In realtà, la prima volta che ho partecipato a una parata gay è stata a New York, credo nel 2001, quando ero in giro per il mondo. A quel tempo, la marcia LGBT di New York era già molto commerciale, con pubblicità e turisti ovunque. La marcia LGBT di Taiwan ha più la natura di un movimento sociale, ma rispetto ad altri movimenti sociali, la nostra immagine è meno radicale, ed esprimiamo le nostre richieste in modo moderato, cercando di trovare un modo per andare d'accordo con la società invece di opporci l'uno all'altro. Perché non siamo diversi da tutti gli altri, ma abbiamo il coraggio di presentarci come diversi dal mainstream della società - in termini di costumi, emozioni e desideri.

La società taiwanese ha sempre avuto una certa "barriera demoniaca" nei confronti dell'omosessualità: la paura stereotipata. In realtà, finché affronteremo l'esistenza della comunità LGBT, ci renderemo conto che le persone LGBT non fanno affatto paura. La marcia vuole dare al pubblico l'opportunità di guardare in faccia la comunità gay e rendersi conto che in realtà non sono diversi da noi, e la paura delle persone omosessuali scomparirà naturalmente.

4. Cosa immagina o si aspetta dalla marcia nel prossimo decennio?
Immaginate... Spero che tra dieci anni la marcia LGBT sia organizzata dall'Ufficio Presidenziale, o addirittura che un Presidente LGBT partecipi alla marcia! Penso che la forza più conservatrice di Taiwan sia la politica, e che la cerchia politica sia così conservatrice che nessuno osa uscire allo scoperto; quindi, se riusciamo a superare quest'ultima barriera, sarà il risultato più fruttuoso del movimento LGBTQ e anche il più grande progresso della società taiwanese.

Chau Mei Ling, regista indipendente, è nota per il suo lavoro in film come "Tattoo" e "Drifting Youth", nella fiction televisiva "Dead Girl" e nel documentario "Private Corner".

Ultime storie

it_ITItaliano